L'uomo nell'ombra - Accademia Modena 1912

L’uomo nell’ombra


Uno dei volti nascosti dell’Accademia Modena 1912 è Gabriele Lusoli. La sua mansione è gestire i team manager e gli accompagnatori delle varie categorie a livello organizzativo, informativo e comunicativo, sempre sotto la supervisione del responsabile Fabio Dall’Omo. Nello specifico Gabriele si occupa dell’organizzazione di eventi e iniziative promosse dalla scuola calcio come ad esempio il format creato durante il periodo di quarantena Pianeta Accademia. 

Come hai conosciuto Fabio Dall’Omo e quando hai iniziato a collaborare con lui nell’Accademia Modena?

“Fabio lo conosco da 10 anni da quando eravamo vicini di casa. La nostra è una vera e propria amicizia iniziata grazie anche ai nostri figli che hanno cominciato a giocare insieme a Castelvetro. Da quel momento la nostra conoscenza si è rafforzata con la nostra prima collaborazione, io ero il team manager dell’annata 2009 e lui il responsabile della scuola calcio a Castelvetro.

Quando ha deciso di intraprendere la sua nuova avventura nell’Accademia Modena io sono stato una di quelle persone alle quali si è affidato. Qui ho iniziato ad occuparmi della gestione dei team manager della scuola calcio e successivamente dell’organizzazione di eventi, progetti e manifestazioni sempre per la scuola calcio”.

Grazie al lavoro che hai svolto durante il lockdown con Pianeta Accademia, sei riuscito a portare il calcio nelle case dei piccoli canarini facendoli sentire un po’meno lontani dal pallone.

“Originariamente questo progetto è iniziato come un gioco chiedendo agli allenatori di filmarsi mentre svolgevano delle esercitazioni che i bambini avrebbero riproposto nelle loro abitazioni, ancora non si sapeva come e quando saremmo tornati sul campo. Dopo io e Fabio abbiamo avuto l’idea di creare un programma a episodi dove, oltre agli esercizi di allenamento dei tecnici e dei ragazzini, questo format avrebbe compreso anche video con giochi in famiglia, film consigliati, libri da leggere e con sketch realizzati dai mister che proponevano vere e proprie sfide ai piccoli gialloblù. E’ stato un periodo molto lungo con 11 puntate andate in onda ogni domenica, i genitori ci hanno ringraziato per aver tenuto occupati i loro figli durante questo periodo delicato dove sentivano la mancanza del pallone e dei loro amici”.

Attualmente avete altre iniziative che porterete avanti?

“Abbiamo in mente diversi progetti come la presentazione delle squadre e iniziative rivolte ai bambini, sempre con contributi video, per dar loro maggiore importanza e visibilità. Di pianificato non c’è ancora nulla, sono solo idee che metteremo in pratica più avanti creando un nuovo format quando avremo terminato il progetto per la costruzione della nuova sede dell’Accademia”. 

13-10-2020

#accademiamodena1912